Altro

COME MI SENTO

Molto spesso mi viene chiesto come faccia a portare avanti tutte queste cose, tutti questi progetti. Beh, diciamo che, fondamentalmente, per me è normale: sono anni che riempio le mie giornate di letteratura, promozione, eventi, e libri, e pensieri.. Però, facendoci mente locale, capisco che, fondamentalmente, tutto questo deriva da una mia particolare concezione della vita, forse estrema e ossessiva, vero, ma che mi ha comunque portato a certi traguardi, e che spero me ne farà tagliare molti altri.

Vivo ogni giorno con l’obiettivo di aver fatto qualcosa di preciso, di definito: insomma, se in quel giorno non c’è stato qualcosa che mi abbia arricchito, o abbia cambiato qualcosa, io non sono soddisfatto. Affatto. Da qui deriva lo scrivere, il promuoversi, le iniziative di cultura, gli eventi, l’associazione, il proporsi per risolvere temi sociali (cosa che mi sta succedendo ultimamente) che mi circonda: tutto deriva da un voler caratterizzare la giornata, volere un ‘di più’ rispetto al giorno prima, anche fosse una sola briciola.

È forse questo ad avermi portato, a 26 anni, alla pubblicazione di 6 romanzi (presto 7), al fare traduzioni, al guidare un’associazione culturale in forte crescita. Ma non mi basta, non mi basta mai.

Guardandomi indietro, a volte, mi rendo conto di quante cose ho fatto, e rimango colpito; passano alcuni istanti, e subito mi viene voglia di fare di più, di aggiungere, di crescere: è la sana ambizione, forse, o un desiderio di accrescimento personale senza fine – questo forse problematico – a spingermi.

A volte ho talmente tante cose da fare da non avere il tempo di mangiare tranquillamente; tutto questo, però, non mi frustra, né mi piega: più ho da fare, più sono felice.

E voi, come intendete la vostra giornata?

Un abbraccio a tutti 🙂

Ivano

https://i1.wp.com/www.lindipendenzanuova.com/wp-content/uploads/2013/05/crescita.jpg

Annunci
Standard