Cosa ne pensa un autore..?

Del vostro libro non frega un cazzo a nessuno

Sì, avete letto bene. Beh, forse ci eravate arrivati già da soli.

Partiamo da qualche dato: in Italia si legge poco. Anzi, si legge meno di quanto si comprino libri, diciamocela tutta. In fondo, quanti libri avete nella vostra libreria di casa, appena appena sfogliati e lasciati poi lì a marcire? Beh poi, chiaro, se fate parte di quella orribile schiera di scrittori che dicono leggere non è importante per scrivere, ho letto un libro solo in trent’anni di vita e mi ha fatto anche male la testa lasciamo perdere.

Allora, chiariamoci subito per calmare un po’ gli animi: il vostro libro non l’ha letto un cazzo di nessuno. Ve ne siete accorti? Bene. Ecco il perché, e come provare quindi non dico a far leggere, ma quantomeno a farlo comprare.

I lettori o presunti tali si distinguono in tanti macrogruppi, per quanto si dica no, io sono diverso, non sono come gli altri o generalizzare è una cosa brutta:

  • quelli che leggono un libro in tutta la loro vita, ma si svegliano a Natale per ficcarsi in libreria o su Ibs e prendere così qualche regalo un po’ meno costoso del solito, e che va sempre bene.
  • quelli che leggono tanto, ma solo romanzetti da fruizione immediata, di fascia medio bassa, di intrattenimento.
  • quelli che leggono mediamente poco, e solo perché hanno visto la pubblicità alla tivvù o sul giornale o su internet.
  • quelli che leggono mediamente tanto, che sentono i consigli dei librai o di gruppi online.
  • quelli che leggono tanto, romanzi di fascia alta, e spesso hanno un po’ di puzzetta sotto il naso.
  • quelli che non leggono proprio, un romanzo non sanno cos’è, ma alla fine un libro lo possono comprare lo stesso.
  • quelli che leggono solo saggi.

Ora, analizzando i macrotipi di lettori e avendo capito che manco uno di questi si caga di striscio il vostro libro, perché su Ibs o in libreria non ci arriva o è nascosto, perché non è di fruizione immediata, perché non va in tv o sul giornale, perché i librai o i gruppi online non lo consigliano, perché c’è un po’ di puzzetta sotto il naso, perché non scrivete saggi o perché il vostro libro è un libro, ecco, cerchiamo di capire come poter VENDERE (che far leggere è ben altro paio di maniche: l’importante è che arrivi in cassa, a questo punto):

  • per Natalini & Co, dovete far sì che il vostro libro appaia come qualcosa di simpatico, facile da notare e facile da regalare, che non comporti occhiatacce o strane facce del parente o dell’amico al momento del dono. Copertina simpatica, sinossi non troppo arrogante, insomma: accomodante. Dovete far sì che chi prende in mano il libro, appena spacchettato il tutto, pensi: toh, un libro; e non MINCHIA CHE PALLE, UN LIBRO ANCHE QUEST’ANNO.
  • per i lettori di romanzetti: fate sì che il vostro libro appaia fruibile, docile, da passeggio. Appaia eh, non ho detto sia. L’apparenza, purtroppo, è l’unica cosa che conta. Anche qui, massima attenzione a copertina e sinossi: non deve far andare troppo le rotelle del cervello al lettore, di questi tempi è meglio non svegliarli dal torpore e lasciarli lì con quel sorrisino ebete sulla faccia, o gli occhi sull’Ipad o Iphone che dir si voglia. Se riuscite a suggerire, non dico ficcarci dentro, una qualche storia d’amore, benvenuti, siete a cavallo.
  • quelli che leggono romanzi da tivvù & Co: facile, dovete far sì che si parli del vostro libro. Una cavolata, vero? Beh, anche qui: una copertina simpatica a casa di un amico fa chiedere “e quello cos’è?”.
  • quelli che leggono tramite i consigli dei librai o dei gruppi internet: beh, copia omaggio al libraio o buoni rapporti con lui/lei, e si va di mambo. E copia omaggio anche a qualche recensore su internet, sempre con la stessa idea in mente: più leggero e ‘divertente’ è, più sarà consigliato. Alla fine, leggerlo non farà poi del male a nessuno.
  • per i lettori con la puzzetta sotto il naso: dimenticateveli. Non leggeranno mai un libro di un piccolo autore. E se lo faranno, troveranno sempre un pretesto per demolirlo. Non perché partano prevenuti eh, no: perché devono attenersi alle apparenze della ‘lettura alta’: grandi autori, spesso classici, di cui si parla sempre e solo un gran bene a livello di critica letteraria o storia della letteratura. Che poi son gli stessi che, duecento anni prima, mi demoliscono un Dickens o un Poe.
  • quelli che non leggono proprio: ragazzi, copertina. Più è inoffensiva e divertente, più li attira. Avere in casa un libro che sembra anche divertente può far fare un bel figurone a chi non sa leggere manco i giorni sul calendario. Pensiamo a un Covatta, a un Volo, ai libri degli Youtubers o dei famosi: chi li compra, secondo voi?
  • quelli che leggono solo saggi: fate capire in sinossi, in quarta di copertina, sul limite del foglio, con un disegnino, uno schemino, un rebus o chissà che, che si parla di società attuale, o comunque che c’è un qualche rimando. Certo, con leggerezza e simpaticamente. Non si sa mai.

Quindi abbiamo tutto per sfondare ora, no? Robe che non pensavamo proprio fossero basilari, vero? Apparenza, copertina, leggerezza, simpatia.

Perché ragazzi, questi sono i libri che vendono: quelli accoglienti, di cui tutti parlano e che tutti hanno. Quelli che entri in libreria e te li vedi lì e dici: cazzo, che copertina.

Perché chi legge davvero, con senso critico e scegliendo nell’enorme varietà della letteratura moderna, non arriverà mai al vostro libro. A meno che non ci appiccichiate sopra della bella carta moschicida.

E chi s’è visto, s’è visto.

Buona lettura

 

Ivano


Se siete in cerca di consigli, trucchi e dati su pubblicazione, promozione e distribuzione del vostro libro, potete acquistare il mio manuale “Come Diventare Uno Scrittore” alla modica cifra di 1.99 (versione ebook su Amazon, cliccando direttamente il link qui sotto)

Link per l’acquisto

41QqRuTmSIL

 

 

 

Annunci
Standard
Altro

PUBBLICO, QUINDI VENDO

Per la prima volta, dopo tanto tempo, mi ritrovo dall’altra parte della barricata: non sono più un semplice autore, ma un autore che gestisce una collana editoriale, e quindi, in parte, un editore (senza però i benefici economici diretti, ecco, diciamocelo: mannaggia).

Beh, mi imbatto sempre più spesso, in tutti gli esordienti o emergenti che si propongono per la collana, nell’illusione che, solo per l’averlo pubblicato, il libro si venda da solo, o comunque vada automaticamente sugli scaffali di tutte le librerie d’Italia.

Allora: no, non ci siamo. In Italia, secondo i dati più recenti, vengono pubblicati 12 nuovi titoli al giorno. Riuscite a pensare a una libreria che accolga 12 titoli nuovi ogni santo giorno, tenendosi chiaramente anche tutti i vecchi già ordinati? Facciamoci due calcoli, tanto per: in una libreria appena aperta e che voglia solo titoli appena usciti, beh, in un anno ci sarebbero circa 4.380 libri a scaffale. In 4 anni, 17.532. Una libreria bella grande, insomma.

Il punto è che le librerie, tutte quante (con l’eccezione di quelle di catena, forse, perché ricevono ‘ordini’ dall’alto su quale libro mettere, in quale quantità e dove), si muovono pensando a vendibilità e spazio: in poche parole, scelgono i libri che vogliono poi mettere sui propri scaffali, e che terranno per un certo lasso di tempo a seconda della vendibilità o meno del libro stesso. Cioè, a dirla in modo semplice, se entro un tot mese quel libro si vende o no lo si tiene, se nisba, beh, dopo questo periodo lo si rimanda indietro e si fa spazio ad un altro libro.

I librai scelgono quindi in base al proprio intuito, alla propria esperienza, al proprio fiuto per gli affari, ai propri spazi disponibili e ai propri dati: nemmeno Mondadori, per fare un esempio, riesce a piazzare tutti i propri titoli in tutte le librerie a cui propone il proprio catalogo.

Figuratevi quindi il vostro piccolo libro di un piccolo emergente o esordiente.

Quindi, se volete che il vostro libro venda o abbia visibilità, muovetevi, alzate il sedere dal divano e finitela di aspettare l’arrivo del magico arcobaleno con il suo incedibile pentolone pieno d’oro. Non stiamo partecipando a una lotteria: è la vita, bello.

Chissà, magari, prima o poi, qualche libraio di buona volontà vi darà una bella occasione.

Ivano Mingotti

 

Standard
Cosa ne pensa un autore..?

COSA NE PENSA UN AUTORE: DEDUZIONE FINALE SULLA PROMOZIONE

Cari amici autori e lettori, dopo tanto tempo sono finalmente giunto a conclusione su cosa sia effettivamente efficace per promuvere i propri libri. Andiamo a vedere cosa?

1. Non le recensioni, né le videorecensioni: se non vi si conosce già, non avranno alcun motivo per leggere o addirittura aprire la recensione che condividete. Al massimo, la recensione avrà motivo di essere solo per il recensore stesso, che utilizzerà il vostro bacino di ‘fan’ per avere visite al proprio blog/canale/sito. Se volete recensioni, non pensate di venderci: è importante per capire come viene recepito il vostro lavoro, tutto lì.

2. Articoli e recensioni sui giornali: a meno che siate un autore già conosciuto, i lettori tenderanno a saltare a pié pari, tranne in rarissimi casi, l’articolo che parla di voi. Su quei pochissimi che leggeranno, quanti davvero vorranno comprare il libro, e quanti invece lo faranno per mera curiosità?

3. Presentazioni: no, non ci siamo. Le presentazioni in Italia ormai sono finite, morte. E la gente che ci va, semplicemente, non va ad acquistare il libro. O non vi conoscono, e per puro culo vi compreranno il libro, o vi conoscono già, e lo avranno già comprato.

4. Social Network: NO. Facebook non funziona: né i gruppi, né il messaggio diretto. Diciamoci la verità: quanti utenti di un gruppo di libri sono davvero lettori interessati a comprare i libri che lì vengono promossi? Per una gran percentuale, che sfiora spesso la totalità dei casi, si tratta invece di soli autori, che appunto condividono propri post promozionali. E anobii, goodreads? Mi correggo rispetto all’articolo precedente: perdite di tempo, se volete vendere. Per conoscere gente, sì. Per ottenere recensioni, anche. Ma vendere? Non se ne parla. Sui 6000 che contatterete per proporgli il vostro libro, 5000 diranno che leggeranno l’anteprima; e su questi 5000, forse 500 lo faranno. Su questi 500, se solo 1 decimo compra il libro potete ritenervi fortunati: i più leggeranno forse le prime pagine, diranno che lo compreranno e poi puff, non li sentirete più. Se su 6000 trovate 10 possibili acquirenti, siete già fortunati.

L’unico metodo che funzioni è la VENDITA DIRETTA. Andare in libreria e fare dei bei firmacopie. Non c’è altro che funzioni, davvero. Avere la faccia tosta di proporsi al lettore DOVE vuole spendere per i propri libri. Il casino sarà quando tutto il sistema libraio sarà tutto online (e non ci vorranno molti anni, purtroppo).

Per il resto, buona fortuna. Non saprei dove altro mettere la testa, per vendere.

Ah, e per chi vorrebbe decantare le doti di amazon: amazon dà la possibilità al lettore di rendere il libro; su Amazon, i dati di vendita sono fortemente falsificati: quanti autori mettono le copie a download gratis per salire in classifica?
Dunque, una sola mossa è possibile: vendere direttamente.

Faccia di bronzo, e via andare.

Un saluto a tutti voi 🙂

ps. non apro parentesi su quanto gli editori mini o micro vendano da soli senza una buona distribuzione (e sono in pochissimi ad averne una) perché, altrimenti, mi viene la depressione. Vi dico solo che, del resoconto arrivatomi oggi per l’anno scorso, i libri venduti erano solo i miei, venduti direttamente.
Ivano


Se siete in cerca di consigli, trucchi e dati su pubblicazione, promozione e distribuzione del vostro libro, potete acquistare il mio manuale “Come Diventare Uno Scrittore” alla modica cifra di 1.99 (versione ebook su Amazon, cliccando direttamente il link qui sotto)

Link per l’acquisto

41QqRuTmSIL

Se invece siete autori e siete in cerca di una buona consulenza editoriale, o di un buon editing, di una correzione bozze, di una traduzione ben fatta – ma senza svenarsi – contattatemi su ivanomingottiautore@libero.it

Standard