Un brano da “Il Cenotafio di Simon Petit” – Leucotea, 2014

“E mi vedo ancora, io piccola dentro quel grano, io piccola su quel terreno, i miei piedi consumati e pressati, le braccia abbandonate e molli, e i capelli di grano a toccarmi le spalle.
E non più vento, ma mancar di respiro, mancar di respiro nel petto.
Qualcosa di perso, nell’aver trovato.
Simon nel granaio, la musica tra le sue dita.
A stridere e gridare, a scappare e fremere, la musica nelle sue dita.
E per la prima volta vedere il destino, capendo di averlo trovato.
Quando ti si pone davanti il destino non puoi fare finta di non aver visto.
Quel giorno io vidi Simon, vidi la mia vita.
E trovarlo fu perderlo, perdere tutto.
Il respiro, i miei passi, quell’esser di fiera, di belva.
Schiacciata dal cielo, dall’ondeggiare e venire di quelle spighe, e solo il toccarmi della musica, l’instabile e spesso, sottile momento del sentirlo suonare.
Quell’infinito già concluso, quell’infinito in pericolo, quell’infinito fragile.
Io bimba con la bocca spalancata, ed in quel granaio Si-mon.
E solo la musica.
Per la prima volta io vidi il destino.
A bocca socchiusa. ”

https://i1.wp.com/tropismi.altervista.org/wordpress/wp-content/uploads/2014/02/lettura.jpg

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Il Cenotafio di Simon Petit e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...