GIORNI, di IVANO MINGOTTI

Crepe, come sassi sui parabrezza
e sottili evocazioni di svolte, di accelerazioni
sulla via che porta a tutte le perdizioni

Avevo visto un merlo, sulla punta più alta
dell’albero più basso della campagna intera,
guardare l’orizzonte col petto gonfio e le piume secche,
già morto di una morte che non era mai venuta,
scheletro e trionfo e monumento al cielo

Crepitare di passi, e sorrisi,
e parole gettate al vento
come potesse mai rispondere,
soffocarti di braccia, stringerti
e dirti continua, avanti
ci sarò io ad aspettarti.

©Ivano Mingotti

SAM_0294

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Momento Poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a GIORNI, di IVANO MINGOTTI

  1. 65luna ha detto:

    Bellissima chiusa. Aspettare. Ciao,65Luna

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...