IL PAESE DEI POVERI: recensione su Arancini Letterari

Un grazie sincero a Sebastiano Cappello per la bella recensione 😀

copertina

Buongiorno a tutti!
Oggi vi parlerò di un libro, che ho letto in questi due giorni in ebook sul mio fidato Kobo.
Il libro si intitola “il paese dei poveri” ed è stato scritto da Ivano Mingotti, pubblicato dalla Edizioni R.E.I.
Mingotti per i più attenti non è un nome nuovo; infatti, ha scritto altri libri, tra i quali “Sotto un sole nero”, romanzo distopico molto originale, che ho avuto l’occasione di leggere l’anno scorso.
Prima di parlarvi del libro e di cosa ne penso, è doveroso spiegarvi come sono venuto in possesso di questo libro:
Un giorno ho acceso il computer, sono entrato nella mia email per vedere la posta ricevuta, cosa che faccio quasi sempre prima di andare su Facebook o su altri siti, vedo un messaggio dell’autore, che mi ha contattato perché aveva scelto il mio blog per parlare del suo ultimo libro, io gli ho risposto dicendo che accettavo la sua proposta volentieri e così eccomi qua oggi a parlarvi de “il paese dei poveri”.

“Il paese dei poveri” è la storia di Achille DiMea che si trova rinchiuso in un istituto, una sorta di “ospizio” denominato proprio “Il Paese dei Poveri”, che accoglie tutte quelle persone disagiate, povere, che non hanno di che vivere, quindi parliamo di barboni, nullatenenti e nullafacenti. In questo istituto le persone vengono denudate, lavate, rasate, gli viene fatta indossare una tunica verde e devono sottostare a rigide regole. La stessa sorte capita ad Achille. La storia ci viene raccontata dall’autore con dovizia di dettagli, di particolari e in maniera da suscitare nel lettore la curiosità e la voglia di andare avanti a leggere.

Quando ho iniziato a leggere il libro, devo dire con sincerità che ho avuto qualche difficoltà a entrare nella storia e pensavo di trovarmi di fronte a un romanzo distopico, nel quale il protagonista si trovava in questo istituto che non ha nulla di diverso, a mio parere, dai lager nazisti di Auschwitz e Buchenwald: infatti, le persone in questo “Paese dei Poveri” vengono trattati senza alcuna dignità, di giorno lavorano duramente la pietra con dei picconi, consumano frugali pasti e qualsiasi aiuto verso gli altri viene severamente punito. Entrando di più nella storia, ho cominciato ad apprezzarla e ha suscitato in me un’angoscia terribile, perché ho realizzato il fatto che questo potrebbe accadere ai giorni nostri; un aspetto che mi ha colpito è proprio il suo essere molto attuale, molto spesso io mi domandavo nella mia testa: “Sarà questo il futuro dell’Italia e dei giovani che in questo momento sono senza lavoro e non hanno quindi una propria indipendenza a livello economico?”,questo romanzo mi ha fatto riflettere molto sulla situazione di crisi che stiamo vivendo oggi: “Il paese dei poveri” potrebbe essere perfettamente una rappresentazione metaforica della nostra Italia, Achille e gli altri il popolo e coloro che dirigono l’istituto i nostri rappresentanti. Un’altro motivo, per cui questo romanzo mi ha angosciato, è legato al mio modo di pensare della storia: io ho un’idea ciclica della storia e quindi penso che la storia si ripeta sempre e che gli eventi in diversi contesti, in diverse vesti possano ritornare; quindi, avendo paragonato questo”paese dei poveri” ai lager nazisti ho realizzato il fatto che l’esperienza orribile dei campi di concentramento possa manifestarsi di nuovo.
Un altro pregio del romanzo è lo stile, il modo in cui viene raccontata la vicenda: l’autore si pone allo stesso livello del lettore e, insieme, cercano di capire dove si trovano, cosa sta succedendo; l’autore e il lettore diventano spettatori della vicenda, il lettore non è solo, non deve affrontare da solo la vicenda, ma con lui c’è anche l’autore,che non si pone al di fuori della storia, ma come il lettore ne rimane coinvolto; il romanzo quindi diventa un viaggio sia del lettore sia dell’autore alla scoperta di questo “paese dei poveri”. Per quanto mi riguarda, è la prima volta che mi trovo davanti a questo stile, a questo modo di raccontare ed è un aspetto che ho apprezzato molto. Ultimo aspetto che ho apprezzato e che per altri potrebbe essere un difetto è la minuziosità delle descrizioni, ricche di particolari, di dettagli e di ripetizioni, che potrebbero rallentare il ritmo di lettura e risultare noiosi, ma a mio parere aumentano l’angoscia, creano la suspense.

Questo è tutto quello che ho da dire su questo romanzo, che vi consiglio fortemente perché vi lascia tanto e vi rimarrà un segno indelebile nel vostro cuore; vi consiglio magari di non approcciarvi a questo romanzo come ho fatto io, perché ancora oggi se ci ripenso mi viene un’angoscia e una paura tremende, quindi questo è l’unico consiglio che vi do: approcciatevi a questo libro in maniera distaccata, fatevi coinvolgere dalla storia, ma rimanetene distaccati per non avere troppa angoscia!
Io ringrazio Ivano, che mi ha dato la possibilità di leggere questo libro, gli auguro di avere successo nella vita e nel lavoro perché se lo meritaè una persona davvero deliziosa.

Vi lascio qua sotto con la copertina del libro, che a mio parere è molto bella e rispecchia le atmosfere della storia create da Ivano.
Io vi auguro buone letture!
A presto!
Ciaooo

Link alla recensione

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Il paese dei poveri e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...