Sfrigola, di Ivano Mingotti

Sento sul bianco cadere degli ultimi fiori appassiti
l’arrivare strozzando dell’estate
che mi si appoggia sul mento
prima di scivolar tra le natiche

Sfrigola di pelle e forze svanite
e preme sulla carne
come volesse farci parte
di una nuova ricetta d’un cuoco fin troppo conosciuto

Ricordo le passeggiate
ad adempiere ai compiti di un lavoro mai pagato
nella mia giovinezza
fiancheggiando un paese sconosciuto
nuovo ai miei occhi
estraneo ai miei piedi
e comunque procedere
con la calura a sussurrare Luglio sulla nuca
ed io a scapparci contro, tenendo ben saldo
il ‘quando mai finirò?’ e il ‘finirà prima o poi’.

©Ivano Mingotti

https://i1.wp.com/trailcuorelamente.altervista.org/wp-content/uploads/2014/05/camminare-da-soli.jpg

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Momento Poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...