Momento Poesia

Oracolo, di Ivano Mingotti

Con gli occhi bendati dal sonno
e la fronte bollente
vengo
innumerevoli volte sullo schermo
a guardarmi la stanchezza addosso

Pigio le mie dita
sulle coperte che toccherò
sul cuscino che schiaccerò col capo
e provo a provarmi già morto,
cadavere del sonno,
ucciso dall’esser passata della giornata
per potermi ritrovare
rinnovato ed estraneo a me stesso
nella mattinata che già sento fredda sulla pelle
mia che sta morendo
proprio in questo istante
mentre guardo tra le case
all’orizzonte
un sole che sorgerà presto

Ora non esiste
è tutto quanto dopo
o prima

©Ivano Mingotti

https://i0.wp.com/www.solosfondi.com/wp-content/uploads/2011/03/wallpaper-fuori-dalla-finestra.jpg

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...