BOTTONI, di IVANO MINGOTTI

Fissando l’ombelico
ho visto l’uomo
tra il terzo ed il quarto bottone della camicia

La voce
non era che un ronzio distante
il pallido cianciare di una mosca

Quel che importava in quel momento
era la vita tra i polpacci
lo scalpitare delle scarpe
e il muoversi degli occhi

Tutto diceva solo
sono vivo
ed io, che della vita
restavo sempre un uomo ai margini
nient’altro che un autostoppista immobile
ne rimanevo leso
perturbato ed offeso
chiedendomi
se questo scalpitare è vivere
allora dove son stato
finora
e dove sono ancora?

©Ivano Mingotti

https://i2.wp.com/www.premioceleste.it/_files/opere/2012_54115_123142.jpg

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Momento Poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a BOTTONI, di IVANO MINGOTTI

  1. macchinadelpopolo ha detto:

    Sei dove devi essere, come tutti noi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...