TREMA, di IVANO MINGOTTI

Vedo
orde di frattaglie al ritmo della macumba
e tetri presagi di avventi, di ricordi, di mancanze
e il nero spettro della processione
di chi viene e torna
morto a se stesso e per sempre
nella tomba di tutti

Tremo
al vibrare dell’intensità di un saluto
che è un’ombra di ciò che ero, e sono
nel nome che mi chiama
di nuovo
a me stesso sconosciuto
e vero

Sincero
e terribile affrancarsi
del petto dalle mani dalla bocca
e dal petto e dalle mani e dalla bocca
frinire
del suono di una voce senza limiti
e di un limite senza alcun suono.

©Ivano Mingotti

https://i2.wp.com/www.folias.it/formazione/wp-content/uploads/2014/06/cura-delle-mani_324x2681.jpg

Annunci

Informazioni su ivanomingottiautore

Autore di diversi romanzi, fondatore di LiberoLibro, curatore della collana Nuove Luci per Amande Edizioni, genio, filantropo, con le pezze al culo.
Questa voce è stata pubblicata in Momento Poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a TREMA, di IVANO MINGOTTI

  1. annaayse ha detto:

    un’ombra di ciò che ero …. mi sento proprio così in questi giorni
    Bellissima …

    Mi piace

  2. bom76 ha detto:

    Mi piace! Complimenti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...